Capece, Girolamo

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-8894241600 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Girolamo Capece è stato un eretico radicale del XVI sec.

Monaco benedettino olivetano, frequentò Juan de Villafranca, Ludovico Manna, Lorenzo Tizzano, Girolamo e Matteo Busale, Giulio Basalù e Francesco Calabrese ed aderì al valdesianesimo radicale, come confessò sotto interrogatorio a Roma nel giugno 1553.

Era forse parente del giurista Scipione Capece.

Bibliografia

  • Luca Addante, Eretici e libertini nel Cinquecento italiano, Laterza, Roma-Bari 2010, ad indicem (in part. 55-57).
  • Massimo Firpo, La presa di potere dell'Inquisizione romana. 1550-1553, Laterza, Roma-Bari 2014, p. 124.
  • Aldo Stella, Dall’anabattismo al socinianesimo nel Cinquecento veneto, Liviana, Padova 1967, pp. 27, 34.
  • Aldo Stella, Anabattismo e antitrinitarismo in Italia nel XVI secolo, Liviana, Padova 1969, p. 101.

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2020

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, "De rerum natura", lib. V]

uc?export=view&id=1_usu8DkYtjVJReospyXXSN9GsF3XV_bi

The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License