Seghizzi, Francesco

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-8894241600 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Francesco Seghizzi (Modena, 1510 - Modena, 11 agosto 1550) è stato un patrizio ed eretico modenese.

Ebbe una aspra controversia con il gesuita Giacomo Laínez, che predicò a Modena il 6 e 7 febbraio 1541. Laínez aveva duramente attaccato la teoria della predestinazione, per questo Seghizzi, che vi credeva fermamente, lo raggiunse nell'abitazione del canonico Guido Fudiconi dove egli era ospitato, e lo rimproverò aspramente. Il fatto suscitò subito l'attenzione dell'Inquisizione modenese che lo convocò così come vari testimoni. Dalle indagini emerse che Seghizzi svolgeva da tempo un'intensa campagna di propaganda, soprattutto nelle campagne, simile a quella di Lisia Fileno alias Camillo Renato.
Tuttavia grazie alle influenti protezioni di cui godeva (compresa quella del vescovo Egidio Foscarari) Seghizzi non ebbe conseguenze rilevanti dal processo. Anzi fu negli anni seguenti fortemente impegnato nel governo di Modena, essendo estratto due volte tra i Conservatori della città (1542 e 1545) e svolgendo anche l'importante carica di giudice all'annona (1546-47).
Morì appena quarantenne nel 1550, lasciando la moglie e cinque figli e dando disposizioni di grande sobrietà per la sua sepoltura che testimoniano significativamente la sua profonda adesione alle nuove idee religiose.

Bibliografia

  • Processo Morone2, vol. 1, pp. 896-97, nota 163.
  • Matteo Al Kalak, Seghizzi, Francesco, in DSI, vol. 3, p. 1406.
  • Antonio Rotondò, Anticristo e Chiesa romana. Diffusione e metamorfosi di un libello antiromano del Cinquecento, in Id., Studi di storia ereticale del Cinquecento, Olschki, Firenze 2008, vol. I, pp. 45-199 (cfr. pp. 136-149).

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, "De rerum natura", lib. V]

uc?export=view&id=1_usu8DkYtjVJReospyXXSN9GsF3XV_bi

The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License