Della Zala, Caterina

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-8894241600 | DOI 10.5281/zenodo.1309444


Caterina della Zala, detta "Trinchetta", è stata una donna processata e condannata a morte per stregoneria a Poschiavo nel 1672.

Figlia di Giovanni Trinchet e moglie Si era sposata con Giovanni Giacomo della Zala, da cui si era separata. Era detta "Trinchetta" in quanto figlia di Giovanni Trinchet. Proveniva da una famiglia sospetta di stregoneria ed aveva 25 anni al momento del suo processo.
Accusata di partecipare al sabba, di compiere malefici e di aver costretto con le sue arti diaboliche un uomo a diventare suo amante, di aver commesso quindi adulterio ed aver avuto un figlio da quest'uomo. Ammise l'adulterio ma negò in un primo momento di essere una strega. Sotto tortura confessò tuttavia tutte le colpe attribuitele. Compì anche un fallimentare tentativo di fuga. Fu infine condannata a morte e giustiziata tramite decapitazione, con conseguente rogo del cadavere.

Link

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2021

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, "De rerum natura", lib. V]

uc?export=view&id=1_usu8DkYtjVJReospyXXSN9GsF3XV_bi
The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License